Gare natural e viaggi – Parte 2

Elena Ferretti sul palco del 10° Campionato Nazionale NBFI

Di Ken Ross.

Prendere un aereo per una gara può comportare molti ulteriori disastri. Ma questo articolo spiegherà come evitare tali problemi. Come recita il proverbio, prevenire è meglio che curare!

In questa serie di articoli, esploreremo i viaggi locali, interregionali e internazionali per partecipare a una competizione.

Questo articolo, in particolare, si occuperà delle gare interregionali o su lunga distanza, per le quali è necessario viaggiare in aereo. Quella che potrebbe sembrare un’operazione semplice e lineare può risolversi in un incubo se non sei ben preparato. Le ultime cose di cui hai bisogno sono stress, ansia e qualunque altra condizione che possa innalzare i livelli di cortisolo a ridosso della gara. La soluzione, allora, è essere sempre preparatissimi. Ciò dovrebbe diventare come una seconda natura per un atleta, dato che la preparazione è stata il tuo pane quotidiano negli ultimi mesi -da tre a dodici- della tua vita.

Elena Ferretti, atleta NBFI

Quando viaggi per una gara su lunga distanza, devi prendere in considerazione questi fattori:

Voli – non viaggiare con compagnie aeree low cost, che sono note per cancellazioni, tasse nascoste da pagare, cambiamenti di rotta e scali interminabili. Compagnie aeree di questo tipo ti provocheranno stress prima ancora che qualcosa vada storto. I livelli di ansia saranno alle stelle, nel chiederti se davvero arriverai mai alla gara. E se si verificano cancellazioni o ritardi, potresti perderti la competizione solo per risparmiare qualche soldo.

Tempi di viaggio – prenota sempre in modo da arrivare almeno il giorno prima della gara. Spesso è proprio il giorno prima che si effettua la registrazione. Lasciati molto tempo: persino le compagnie aeree più rispettabili possono incorrere in ritardi e anche il clima è un fattore imprevedibile.

Informazioni di contatto e location – facciamo tutti affidamento sulla tecnologia oggi, il che è assolutamente fantastico e rende semplice viaggiare per una gara. Ma basta un attimo -il telefono o il tablet che si scarica oppure non riesce a connettersi- per ripiombare d’un tratto nel 1975. Ben prima della gara, procurati sempre carte stradali e orari dei treni e/o degli autobus, stampati e tenuti in una cartellina. È sempre una buona idea avere con sé tutte le informazioni utili, compresi i contatti degli organizzatori dell’evento, anche questi stampati.

Alloggio – spesso una competizione fornisce un hotel ospitante di riferimento. È una buona idea alloggiare qui, perché l’hotel è generalmente vicino alla location della gara e la registrazione e/o la prima stesura di colore potrebbero svolgersi nell’hotel. L’organizzatore della competizione sarà in contatto con il proprietario e con lo staff dell’albergo, il che potrebbe tornare utile qualora si verificasse qualche problema con la prenotazione.

Abbigliamento – preparati sempre a una location fredda. Alcune sedi di gare sono note per avere l’aria condizionata molto bassa. Se ti sposti con i mezzi pubblici e sei probabilmente esposto al tempo atmosferico camminando tra autobus e treni, portati sempre una giacca in più, una tuta, un cappello, una felpa con cappuccio, etc. La bassa percentuale di massa grassa ti fa già sentire più freddo del normale. Se stai in canottiera per mostrarti in forma nella folla tre ore prima di salire sul palco e la location è gelida, finirai per ammalarti. Il tuo sistema immunitario è già indebolito e stare in una stanza piena di gente è la perfetta ricetta per il disastro. Per non parlare degli effetti sul pump: quando nel backstage proverai a stimolare il pump pre-gara, ti ritroverai con una vascolarizzazione pari a zero, perché vene e arterie resteranno ben sotto la superficie della pelle, per mantenere il sangue caldo. Se hai troppi vestiti addosso, almeno hai la possibilità di fare qualcosa al riguardo.

Cibo – portati sempre il 50% in più del necessario. I ritardi sono la regola. Preparati sempre al peggiore degli scenari: potresti riscontrare ritardi con il volo o con il trasporto all’hotel. Prima di arrivare in hotel, individua le fonti di cibo nelle vicinanze. Puoi anche chiamare la reception, per informarti su dove reperire cibo. Alcuni hotel non offrono la possibilità di cucinare. In questo caso devi scegliere se portarti il cibo già cucinato da casa (informati su eventuali regolamenti relativi al trasporto di cibo), rifornirti sul posto di alimenti che non necessitano di cottura o rivolgerti all’hotel o a un ristorante nelle vicinanze per preparare i tuoi pasti. In alcuni alberghi, potrebbe non esserci neppure un frigorifero, a meno che tu non lo chieda espressamente prima di arrivare. Se hai bisogno di mantenere il cibo in fresco, potresti dover ricorrere a una borsa frigo e del ghiaccio in una busta. Per riscaldare il cibo in un hotel senza cucina, invece, tieni i pasti pronti in una busta con chiusura ermetica e disponi la busta in un contenitore di acqua calda: dopo circa 5 minuti il cibo sarà abbastanza caldo per essere mangiato. Quanto alla tua gara, ritardi o cambiamenti di programma dell’ultimo minuto potrebbero influenzare il tuo aspetto sul palco. Ed è qui che quel 50% in più di cibo tornerà decisamente utile.

Liquidi in volo – bevi acqua in quantità prima, durante e dopo il volo: in questo modo eviterai di trattenere liquidi. Il giorno del volo non mangiare nulla che possa contenere sodio, specialmente durante il volo stesso. Se hai la possibilità di scegliere, prendi un posto vicino ai bagni dell’aereo!

Dopo la gara, è fondamentale essere preparati per il viaggio di ritorno, specie se hai un’altra competizione in vista. Tendiamo tutti a rilassarci dopo una gara, convinti di doverci premiare con qualche merendina qua e là, una coca cola e altri cibi e bevande che non abbiamo potuto consumare durante la preparazione. Ma c’è solo una cosa che devi assolutamente assumere dopo una gara, ed è l’acqua. In genere gli atleti si disidratano prima di una competizione, perciò l’acqua deve subito essere reintegrata. Anche una bevanda sportiva ricca di elettroliti può essere di aiuto.

È necessario provvedere anche al pasto -o pasti-  post-gara. Puoi portartelo dietro o decidere di andare a mangiare in un ristorante: in ogni caso, devi essere preparato.

Portati sempre dei vestiti puliti e un vecchio asciugamano per il post-gara. Anche se non hai la possibilità di farti una doccia, puoi sempre togliere via l’eccesso di colorante e cambiarti i vestiti, così da sentirti un po’ più fresco.

Preparati a qualunque cosa -compresi gli imprevisti in viaggio- e sarai sempre in pista per la tua gara, tanto mentalmente quanto fisicamente! Il prossimo articolo della serie esplorerà i viaggi internazionali.

Se ti sei perso la parte 1, leggila qui: Gare natural e viaggi – Parte 1

L’articolo è stato scritto da Ken Ross, direttore della Flexr6 Fitness Solutions.

Ken è un preparatore per competizioni mondiali, PNBA PRO & INBA Hall of Famer. Ha gareggiato in ben 114 competizioni INBA. Può essere contattato su tutti i social e naturalmente tramite Excellent Style Magazine!

Ecco i contatti di Ken:
Email: flex6@gmail.com
Mobile: +61 403946799
Facebook: Flexr6 Fitness Solutions or Ken Ross
Instagram: @flexr6
Twitter: @flexr6

Nota dell’editore: La INBA/PNBA è attiva in Italia e viene promossa dalla NBFI A.s.d. – www.nbfi.it

© di Excellent Style. Tutti i diritti riservati.

Ti è piaciuto l’articolo? Se vuoi abbonarti: Clicca qui

Usa il codice esclusivo EXCELLENTMYP per avere il 33% di sconto su tutti i prodotti MyProtein ad esclusione di abbigliamento, campioni, accessori e nuovi lanci!

Ordina ora! Clicca qui

POST REPLY

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.