Intervista a Leonidas Trigkas

Intervista a Leonidas Trigkas.
 
Di Sauro Ciccarelli.

Ciao Leonidas, grazie per averci dato l’opportunità di intervistarti.

Raccontaci di te e del tuo percorso sportivo: come sei arrivato a essere un atleta a livello agonistico? Come hai iniziato e qual è il tuo lavoro?

Prima di tutto, grazie a te per avermi proposto quest’intervista -e grazie anche a tutti i lettori.

Per quanto riguarda il mio lavoro, mi occupo di medicina alternativa, sono un trainer personale e di gruppo e gestisco un mio centro benessere.

Venendo al mio percorso sportivo, è stato un viaggio lungo e avventuroso finora, ma anche molto bello.

Sin da bambino, sono sempre stato molto attivo, amavo lo sport e la vita dinamica in generale. Già a partire dai 2-3 anni di età, ricordo che mia madre mi scattava foto e che io “posavo” senza che nessuno me lo avesse insegnato, proprio come un body-builder…era così divertente! Ho iniziato a seguire lezioni di Karate all’età di 5 anni e avevo un’eccezionale flessibilità, così diceva il mio maestro. Mi aspettavo che un giorno sarei diventato un campione, perché riuscivo molto bene nella disciplina. Sfortunatamente, fu la paura da parte mio padre a farmi smettere -vedeva questo sport come troppo aggressivo e temeva che qualcuno prima o poi mi avrebbe rotto il naso o picchiato a sangue.

Ai tempi della scuola ero molto magro e dalla struttura esile. Per questo desideravo diventare più grosso, per proteggermi dai ragazzi che a scuola bullizzavano i più piccoli -io e altri, in effetti, eravamo più piccoli rispetto alla maggior parte dei ragazzi della nostra età.

Così, nel frattempo, avevo iniziato ad allenarmi dall’età di 15 anni. Per fortuna il bullismo subito a scuola non ha avuto effetti negativi sulla mia personalità, ma anzi mi ha dato l’energia per diventare più forte e competitivo, così come sono ora.

È molto importante avere il sostegno da parte della famiglia, quando si tratta di affrontare il bullismo e si ha bisogno di confidarsi. Altrimenti, può causare problemi molto seri. In caso di episodi di bullismo, abbiamo sempre bisogno di assistenza da parte delle persone giuste.

Grazie a Dio, mia madre è stata molto forte e mi ha sempre guidato nella giusta direzione.

Sognavo di poter gareggiare un giorno e di avere una carriera prestigiosa, ma solo da atleta natural, anche se è molto difficile oggi.

Come ho visto in questi ultimi anni, nell’industria del fitness -ma anche al di fuori dell’industria- la maggior parte degli atleti fa uso di doping. Non ho mai volute essere parte di tutto ciò, perché so che è molto pericoloso entrare in quel giro, e non ho mai avuto neppure la tentazione di provare. Perciò, mi sento molto fortunato per questo.

Adesso, sono 10 anni che mi alleno come body-builder natural. Mi sono sempre allenato con passione e ho sempre seguito la dieta necessaria per mantenere la forma, senza fare mai nessuna rinuncia, per tutti questi anni. Credo che il corpo abbia bisogno di tutto, ma nelle giuste quantità. Tutto ma con moderazione, come dicevano gli antichi. In questo modo, puoi avere mente e corpo in equilibrio!

Così nel 2017 sono diventato Campione Nazionale Greco di Natural Bodybuilding INBA in due categorie, Men’s Physique e Classic Physique.

Il mio sogno, sin da quando ero ragazzo, è diventato realtà!

Poco tempo dopo ho avuto un infortunio, che solo poche persone possono capire: mi sono fatto male con un carico molto pesante, in maniera piuttosto grave, il che ha avuto ripercussioni sulla mia salute in generale. Così mi sono dovuto astenere da allenamenti pesanti per quasi due anni.

Ho pensato che non avrei più potuto gareggiare o allenarmi come prima. Ma non ho lasciato che la paura prendesse il sopravvento sui miei sogni e sulla mia vita.

Grazie a Dio, oggi sono persino più forte di prima, con più saggezza ed energia. Ho imparato molto da questo percorso, che pure è stato l’inferno per me. Ma anche dagli avvenimenti negativi puoi sempre ricavare qualcosa di buono!

Racconto tutto questo, perché troppe persone non capiscono cosa c’è dietro una foto, hanno I loro preconcetti e criticano come se tutto fosse semplice.

Alcune persone hanno solo la genetica e sono fortunate, e io credo di appartenere a queste. Ma solo la persona, dietro le quinte, può sapere cosa sta accadendo, prima di presentare una bella foto al pubblico.

Adesso, dopo due anni, sono tornato quasi al 100% e anzi mi aspetto cose ancora più grandi di prima. Questa è un po’ della mia storia, fino ad ora.

Com’è la tua giornata tipo? Raccontaci della tua alimentazione e del tuo allenamento.

In genere mi sveglio presto e faccio meditazione, poi mi preparo la colazione. Riguardo all’alimentazione, al momento non seguo nessuna dieta in particolare, mangio semplicemente un po’ di tutto in quantità moderata, perché ho un approccio flessibile. Come ho già detto, non rinuncio a nulla in fatto di cibo.

La mia giornata lavorativa inizia andando al mio centro benessere. Dopo un paio d’ore di sessioni di terapia alternativa con I miei clienti, preparo il programma per il giorno successivo. A questo punto, ho un paio d’ore libere per rilassarmi e fare ciò che mi va. Mi piace uscire con gli amici a mangiare la mia pizza preferita e una volta a settimana andiamo anche a ballare. Ho anche alcuni hobby: mi piace fare servizi fotografici e creare immagini come grafico -perché sono anche un grafico. Amo leggere -mi interessano in particolare la psicologia e la filosofia- e a volte nel mio tempo libero gioco al computer a uno dei più famosi giochi online, World of Warcraft, con i miei migliori amici.

Quanto al mio attuale allenamento, è basato principalmente sui pesi e a volte anche su corsi di gruppo.

Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro?

I miei obiettivi ora…il più grande obiettivo per me è creare una famiglia, perché la famiglia è il senso della vita e mi piacerebbe averne una un giorno.

Un ulteriore obiettivo è avere successo nella mia carriera, anche come atleta, e spero un giorno di avere più tempo per lavorare davvero bene, diventare un atleta Pro e gareggiare al Natural Olympia.

Ma l’obiettivo principale è stare in salute, così da continuare a tenere il passo.

Quale messaggio vuoi lasciare ai lettori?

Voglio dire ai lettori che se desiderano qualcosa -anche se è una pazzia per gli altri- non dovrebbero mai abbandonare I loro sogni, e anzi, ragazzi, provate a inseguirli ogni giorno! Nulla è una pazzia e tutto è possibile. La parola “pazzia” è utilizzata da persone che non sanno capire la ragione che è dietro ogni azione mirata al raggiungimento del tuo obiettivo. Insisti! Prova ancora! Finché non hai successo e non raggiungi I tuoi obiettivi! Se davvero vuoi qualcosa, devi attraversare un percorso fino alla destinazione. Perciò non arrenderti mai! Dopo di che, fai sapere agli altri ciò che hai fatto quando sarai in cima.

Venendo agli atleti natural e alle nuove generazioni che presto verranno fuori…non essere scontento, perché ogni corpo è unico, non puoi mai conoscere il tuo vero potenziale finché non raggiungi il punto da cui puoi davvero vedere ciò di cui sei capace. Magari cresci lentamente, ma il risultato resisterà più a lungo! Se ami qualcosa, te ne prenderai cura finché durerà. Quindi inizia a sognare, concentrati e di giorno in giorno ti avvicinerai al tuo obiettivo. Come si dice, punta sempre alla luna –anche se non la raggiungerai, sarai sempre tra le stelle.

Ma la cosa più importante è cercare di avere uno stile di vita sano, in ogni modo. La vita è bella, con tutti i suoi lati positivi e negativi!

Leonidas Trigkas lo trovi su:

Facebook

Instagram

L’intervista a Leonidas Trigkas è stata fatta da Sauro Ciccarelli, editore di Excellent Style.

Lo trovate nella pagine social di Excellent Style: su Facebook e Instagram

Excellent Style:

Chi siamo

Avvertenze

Se vuoi abbonarti: Clicca qui

© di Excellent Style. Tutti i diritti riservati.

POST REPLY

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.