Intervista a Aurora Belisari

Foto di Gilmo Costanzo

Intervista a Aurora Belisari.

Di Sauro Ciccarelli.

Ciao Aurora, grazie per averci dato l’opportunità di concederci questa intervista. Raccontaci di te e del tuo percorso sportivo: come sei arrivata a essere un’atleta a livello agonistico? Come hai iniziato e qual è il tuo lavoro?

Ho iniziato molto presto ad interessarmi del mondo del fitness perché mia madre e mio padre erano due sportivi, mia madre insegnava aerobica e mio padre era un personal trainer fino a quando non prese in società una palestra.

Ho iniziato all’età di 16 anni fondamentalmente per perdere peso (ero 12 kg in sovrappeso) e notai fin da subito che mi piaceva vedere i risultati dei miei sacrifici, ma guardandomi allo specchio non riuscivo realmente a capire se era quello il corpo che volevo, tant’è che questa insicurezza mi fece dimagrire molto velocemente fino ad andare sottopeso (1.60 x 45 kg). 

Da lì in poi c’è stato un susseguirsi di sbagli nell’alimentazione e nell’allenamento perché non essendo informata su quali stimoli dare al mio corpo e quale fosse l’alimentazione giusta da fare, mi sono persa; infatti all’età di 18 anni smisi di allenarmi e presi nuovamente peso fino a ricominciare tutto da capo.

Con il passare del tempo ho cominciato a leggere riviste fitness in modo da capire qualcosa di più su quello che era il mondo del bodybuilding e adoravo i fisici che vedevo tra le pagine, li guardavo e pensavo: anch’io posso diventare quello che voglio, quindi perché non farlo?

Per questo motivo, mi segnai nuovamente in palestra e cominciai a prendere quello che facevo in modo molto più serio: seguivo un’alimentazione corretta e mi allenavo regolarmente 3-4 volte a settimana, seguita da un coach.

È grazie a lui che, quasi per scherzo, ho iniziato il mio percorso agonistico.

La mia prima gara fu nel mese di giugno 2018 ad Albano con la Federazione BBF ITALIA e ottenni un bel 3° posto, cosa che mi spinse a continuare questo percorso, difatti gareggiai nuovamente a novembre 2018 sempre nella BBF e vinsi la categoria Bikini Esordienti.

Dopo la seconda gara decisi di prendere un anno di stop e di concentrarmi sull’allenamento per gareggiare nuovamente, ma ho dovuto affrontare un periodo molto brutto della mia vita che mi ha portato ad avere problemi nell’alimentazione, cosa che ricopre il 70% del lavoro nel migliorare il proprio corpo.

Nonostante questo, decisi comunque di gareggiare a novembre 2019 sempre con la BBF, ma non ebbi dei risultati non soddisfacenti (presi il 5° posto).

La cosa che però mi ha portato ad essere ancora più motivata, è stato proprio il fatto di essermi meritata quel 5° posto, in seguito ad un mio sbaglio, mio e di nessun’altro.

Non volevo nascondermi dietro ad un’illusione perché quest’ultima gara mi ha aiutato veramente a capire cosa fosse giusto o sbagliato fare.

Ora ho una grande consapevolezza di quello che serve o no al mio corpo, del tipo di allenamento che devo o non devo fare e soprattutto di quanto ancora posso migliorare.

Non ho un lavoro nel mondo del fitness, non sono una personal trainer, sono solo una studentessa di cinema che cerca ogni giorno di migliorare sé stessa per guardarsi allo specchio e dire: è questo il corpo che voglio!

Foto di Federico Botarelli

Com’è la tua giornata tipo? Raccontaci della tua alimentazione e del tuo allenamento.

La mia alimentazione è molto bilanciata ma anche varia.

Pancakes, Frutta, Noci, Mandorle, Riso, Pollo, Tacchino, Pesce, Verdure, Yogurt, sono cose che nella mia dieta non mancano mai, ovviamente ci sono molte altre cose che fanno parte della mia alimentazione.

Non mi nego un quadratino di cioccolato fondente nello yogurt o sui pancake se lo voglio, non mi nego un dolcetto fit se ho voglia di dedicarmi alla cucina, così come non mi nego uno sgarro nel fine settimana.

Molte persone pensano che fare la dieta significa “restrizione nell’assunzione di cibi” ma in realtà significa “Regime di vita” o più semplicemente mangiare sano e pulito, puntando sulla qualità dell’alimentazione più che sulla quantità.

Mi alleno 5/6 giorni su 7 e suddivido il mio allenamento in upper e lower body con 30 minuti di cardio finali, a volte alternando un circuito hit in palestra (2 volte a settimane lo pratico a digiuno).

Solitamente mi alleno il pomeriggio perché la mattina frequento l’università e non ho un time specifico quando mi alleno, ci metto il tempo che ci vuole.

Per me l’allenamento è uno stile di vita, è una cosa con cui riesco a sfogarmi dopo una brutta giornata.

Foto di Federico Botarelli

Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro?

 In questo momento il mio obiettivo è continuare a lavorare sul mio corpo per migliorarmi sempre di più e sentirmi soddisfatta dei risultati che ho raggiunto.

Mi piacerebbe frequentare dei corsi per acquisire più esperienza nel settore del bodybuilding e per quanto riguarda la carriera universitaria sto aspettando di laurearmi per intraprendere la carriera di doppiaggio. 

Quale messaggio vuoi lasciare ai lettori?

Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare.

Il cambiamento non porta necessariamente a qualcosa di migliore, ma semplicemente a qualcosa di diverso.

Il miglioramento implica però un cambiamento, una variazione dello status quo.

Quindi non cadete nell’illusione che “tanto siete fatti così” ma combattete per migliorare voi stessi perché solo voi avete il potere di decidere.

Foto di Marco Cecilia

Aurora Belisari la trovi su:

Instagram


L’intervista a Aurora Belisari è stata fatta da Sauro Ciccarelli, editore di Excellent Style.

Lo trovate nella pagine social di Excellent Style: su Facebook e Instagram

Excellent Style:

Chi siamo

Avvertenze

Se vuoi abbonarti: Clicca qui

© di Excellent Style. Tutti i diritti riservati.

POST REPLY

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.